Prof Covenant On the Road

Prof Covenant On the Road

Pagine

martedì 31 luglio 2018

Festa dell'Unicorno 2018: l'ippocrasso, la luna rossa e la caccia.

"Eppure Nebula dovrebbe essere qui dentro!"
Perché in realtà non ho nulla contro i venditori di alcolici alle fiere. Anzi. Nonostante io sia Straight Edge comprendo la loro importanza e il cerchio simbiotico che formano con gli editori e gli scrittori. Noi scriviamo, loro vendono alcol ai nostri lettori, ed ecco che il prodotto sembra decisamente migliore e più degno di essere letto.

Ma ci sono volte in cui non ci si può tirare indietro. Ci sono momenti in cui lo spirito di CM Punk si impossessa di me, facendo nascere nel sottoscritto il desiderio profondo di prendere un'ascia (una vera) e spaccare bottiglie, bicchieri e liquori. No, non è quando la gente urla "MOOORIIIREEEMOOO!!! MAAA NOOON DIII SEEETEEE!" (è vero: semplicemente esplodono dopo il terzo litro sotto i 38 gradi del feroce sole toscano). Avviene quando un pirata che vende ippocrasso, completamente ubriaco, inizia a sparare alla gente con una scacciacani. Possibilmente mentre sto spiegando perché sia bene leggere Frontiera a un lettore. Sempre sotto quei quasi quaranta gradi estivi, con il té freddo ormai finito, quando il tuo corpo è giunto al livello "Smithers, reidratami!"


Ebbene sì. Dopo l'inaspettata pausa dello scorso anno il Plesiosauro torna a Vinci. E il Plesiosauro sa che Vinci è sempre una battaglia, un momento in cui deve fare affidamento in tutto e per tutto sui suoi autori migliori e mettere in campo il meglio.
Geniale!
... e figuriamoci il peggio.

La Festa dell'Unicorno è sempre la stessa: sole, dosi di caldo esagerate, liquidi che se ne vanno e altri con diverse gradazioni alcoliche che entrano nei corpi dei visitatori. Questo perché solo due cose, sotto questa calura estiva, sono capaci di distrarre gli esseri umani dalla loro condizione di puro orrore. L'alcol e i cosplay. Specie quelli fatti bene.

L'arcimago Raistlin Majere approva Khaemir. Chi sei tu per dargli contro?
Ma anche quelli fatti a "cazzo di cane" hanno il loro perché.
Cosplay di Alessio Banini fatto malissimo. Insomma, impegnatevi di più!
Ma quest'anno le cose sembrano diverse: complice la luna rossa nel cielo (fuori il furbastro che ha ammazzato Rom, avanti!) le cose assumo una sfumatura più inquietante. L'innocenza della festa scivola via, un po' come la dignità di un direttore di collana che si veste da Sailor Mercury o la sobrietà di un venditore di ippocrasso.

Esempio concreto.

A Spidey prima della Luna di Sangue piaceva il fantasy comico...
...poi il giorno dopo subisce un momento di ribellione giovanile e punta sul Banini
La luna rossa sembra aver avuto diversi strani effetti. Dobbiamo constatare il cambiamento in numerosi personaggi. Talvolta in meglio.

Ammetto che Red Riot così...
 Talvolta decisamente in peggio.

Esatto, non porta più le scarpe col tacco...
Il vero problema è che il nemico è alle porte. Sì perché la trasformazione subita dai venditori di ippocrasso dopo la luna è tale da portarli a radunare un esercito di creature malvagie e demoniache. E di solito tutto va bene, al piccolo abitatore del profondo un libro lo vendi. Ma quando sei lì a fare partire il siluro e puntualmente viene fuori un emerito imbecille con una scacciacani ecco che scattano i cinque minuti. E, a proposito di cani, c'era questo strano meticcio rosa che insisteva nel tentare di comunicare...


Stupido Cane!
E si sa, che con la luna piena, specie se rossa, escono fuori le persone più strane e la viabilità impazzisce.

Nonostante abbiano detto più volte a Fred di guidare poco, perché doveva bere  
Ma non è questo l'unico problema: tra i tanti che hanno approfittato della luna sembrano esserci anche degli evasi! In mezzo a noi circolano dei criminali!

E lei il libro nemmeno lo ha pagato. Quando le ho fatto notare la cosa però ha risposto "E allora i maghi di Durmstrang!?"
Questo è troppo: il furto non può essere tollerato. Luna rossa o no, Galdi questa notte si unisce alla caccia.

Per prima cosa rispolvero la mia Ludwig +10 e recupero la mia campana del Vecchio Cacciatore e pago il mio tributo per evocare qualcuno che possa competere con le due prede. Pagamento in libri Plesio, sia chiaro.

"E poi ho sempre desiderato un drago" 
La caccia ha così inizio. Io e Hagrid ci equipaggiamo, facciamo scorta di fiale di sangue curativo e proiettili di mercurio e cerchiamo alleati per Vinci.
Il conto non ci spaventa

Ma dare la caccia a questi mostri comparta dei rischi. Non sai mai quando un mostro potrebbe presentarsi nel bel mezzo della caccia.
Io ho ancora gli incubi dal 1999
Come se non bastasse i mostri di fine livello sono davvero difficili da abbattare. E non sembrano dare tregua.
E intanto altri libri che se ne vanno senza pagamento! Gli ho detto di restituirlo, ma ha nascosto sei chicchi di melograno tra le pagine, il furbastro!
E allora via altri punti Insight. E giù a evocare altri alleati per la caccia.

Non è detto che siano alleati validi...
E bisogna ritentare, sperare che questa volta la sorte sia migliore.
Beh, sì, lui sa sicuramente come ammazzare Ade.
Nel frattempo il Plesiosauro continua imperterrito a gestire il suo stand e a vendere. Questo nonostante ci siano venditori di ippocrasso intenti a provarci pesantemente con le cosplayer. E non siano i soli.

Il photobombing fatto bene...
Ci vogliono tre giorni di caccia per ritrovare il libro smarrito. Nel frattempo, altre diciassette copie dei miei libri sono state sottratte da diversi acquirenti, in cambio di una serie di pezzi di carta e metallo noti come soldi. Strana sta cosa, io di solito pagavo in echi del sangue.

Dare loro la caccia per prendermi gli echi sarà quasi impossibile. Ci sono troppi cosplay qui a Vinci, riuscire a scovare i responsabili richiede soluzioni drastiche e immediate.

TROPPO IMMEDIATE!
Va bene, la metà dei cosplayers alla fine sono scomparsi. Così come metà dei libri, metà delle bancarelle, metà di tutto. Ma qualcuno ha idea del casino che c'è ora qui in giro? Cosa vogliamo farne di questa polvere! Insomma, vogliamo muoverci e ripulire?

Meno male che qualcuno ha ancora voglia di prendere l'iniziativa.